La parola al lettore: Nuisia Raridi (@nuisia_) recensisce “In nome mio”

La lettrice scrive: «Il tempo detta ciò che siamo, il tempo cambia le nostre aspettative, le nostre scelte, le nostre azioni. Il tempo, che tutto divora, ci conduce sempre davanti ad un bivio: decidere la nostra strada, scegliere chi vogliamo essere, cosa siamo stati, cosa diventeremo».


In nome mio, Veronica Rosazza Prin

«Avremmo potuto essere felici e invece abbiamo scelto di essere indipendenti. Così è nata la nostra libertà. Una libertà che non è un dono ma una conquista»


È così che @rethinkveronicaprin (Veronica Rosazza Prin, l’autrice, n.d.r.) immagina il mondo prima degli uomini. Un mondo in cui la felicità è data; non cercata, non voluta. Una felicità immanente, come una coltre piacevole che culla le volontà degli individui e soffoca dolcemente ogni possibilità di cambiamento. Cosa succederebbe se all’improvviso qualcosa in quel modo si spezzasse? Se qualcuno, contro ogni previsione, iniziasse a pensare, a volere, a pretendere fuori dagli schemi?


Clicca qui per leggere larticolo completo su Instagram https://www.instagram.com/p/CIK-vXwF3LL/

Acquista la tua copia qui.

“In nome mio” è disponibile anche in digitale, qui!

La parola al lettore: A libro aperto recensisce “In nome mio”

8 Giugno 2022

Un biglietto di sola andata nella vita dell’artista Claudia Rordorf.

8 Giugno 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.