Giustizia, anche Giuda era un predestinato – Oggi esce il libro di Pietro Mazzuca

È GIUSTO RISPETTARE LEGGI INGIUSTE?

9 settembre 2021. “Giustizia. Anche Giuda era un predestinato” di Pietro Mazzuca (Santelli editore, 2021) sarà presto disponibile online e in tutte le librerie.

“Giustizia. Anche Giuda era un predestinato” è un saggio in cui Pietro Mazzuca evidenzia i danni causati dalla finanza nei confronti di un popolo sempre meno sovrano e si chiede se sia giusto rispettare leggi ingiuste.

Spiega l’autore: “In particolare questo libro si rivolge a tutti coloro che amano il punto di vista diverso dalla vulgata. È giusto rispettare leggi ingiuste? Siamo predestinati o abbiamo il libero arbitrio? Sono queste le domande a cui il testo cerca di rispondere.”

Per dare uno scenario sul mondo finanziario, l’autore riporta vari fatti in cui la grande finanza speculativa ha comprato i popoli, le conoscenze, la politica e la giustizia. Premesse che scaturirono la fine della democrazia e l’inizio della tirannide come forma di governo.

All’interno del volume troviamo la premessa dell’Avvocato Giuseppe Martino Foro di Palmi e dell’Avvocato Mariassunta Lombardo Foro di Ortona.

Precisamente questo libro è l’ultima tessera di un lavoro di divulgazione lungo più di un decennio, composto da saggi che, sebbene in apparenza scomposti, seguono un unico filo logico: fatti in cui la politica esercita il controllo su uno Stato democratico.

Ufficio Stampa Santelli editore

ufficiostampa@santellieditore.it

www.santellieditore.it

391.4602257


Per acquistare il libro clicca qui.


GenereSaggistica
EditoreSantelli
Data uscita09/09/2021
ISBN9788892920576
Pagine278
Formato14 x 21, brossura
LinguaItaliano

CONTENUTI DEL LIBRO

L’esercizio e il controllo della giustizia ingiusta, al servizio dei potenti, possono uccidere uno Stato democratico? I fatti hanno dimostrato come alcuni Magistrati facciano politica con “indagini a orologeria” per determinare le sorti di una parte politica. Questo volume è l’ultimo tassello di un lavoro di divulgazione lungo più di un decennio, composto da saggi che, seppur apparentemente disgiunti, seguono un unico filo logico: i danni causati dalla finanza speculativa nei confronti di un popolo sempre meno sovrano e della Politica che si fa prona alla tirannide del mondo finanziario. In “La rivoluzione economica dell’1%” viene dimostrato come la finanza abbia impoverito i popoli fino a concentrare la metà delle ricchezze mondiali nelle mani di pochissime persone. “Gilet neri – di finanza si muore” tratta invece dei tanti casi di sangue legati alla disobbedienza al mondo della finanza. Una finanza, dunque, che può fare a meno delle democrazie, consolidando un mondo globalizzato che cede sovranità monetaria grazie ai tanti uomini traditori dello Stato: le proposte concrete per invertire la rotta sono contenute in “Manifesto del popolo sovrano italiano”.

BIOGRAFIA AUTORE

Pietro Mazzuca nasce a Montalto Uffugo (CS) il 17 agosto 1957. Dopo la licenza liceale scientifica nel 1975, nel 1980 si laurea all’Università degli studi di Firenze presso la Facoltà di agraria/scienza forestale con una tesi sull’importanza delle casse rurali nei territori marginali di montagna. Nel 1986 avviene la sua prima pubblicazione ‘Stime a prezzo di macchiatico, nel bosco ceduo’. Pubblica poi: ‘Le stime immobiliari nelle procedure esecutive, quali errori non commettere’ (1990); ‘Stime dei fondi agricoli e delle aziende agricole, nelle procedure esecutive’ (1991); ‘Restauro conservativo delle foreste’ (1998); ‘Influenza aviaria istruzioni per l’uso (H5N1)’ (2005); ‘Acqua destinata al consumo umano’ (2007); ‘Corso introduttivo al riconoscimento delle piante officinali’ (2010); Principi di economia e estimo forestale’ (2011); ‘Prevenzione e repressione incendi cosa non fare’.

Pietro Mazzuca
Pietro Mazzuca

Pietro Mazzuca presenta “Giustizia. Anche Giuda era un predestinato” presso Auser, Circolo di Paola l’11 settembre

9 Settembre 2021

La fantastica storia del pesce ambientalista

9 Settembre 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.