“Figlio di nessuno” di Alessandra Eberle sul “Giornale di Vicenza”

Il romanzo di Alessandra Eberle ci parla di suo nonno, una persona qualunque a cui è legata da profondo affetto. Nel farlo però ci fa rivivere un altro mondo, nel quale tutti avevano poco ed era più semplice incontrarsi, condividere, aiutarsi. È proprio questo l’esercizio che ha fatto l’autrice durante la stesura del suo libro: ha provato ad ascoltare il silenzio, a chiudere gli occhi e a respirare l’aria di quei tempi. Uno sforzo che ci regala un libro che possa risvegliare ricordi sopiti o far capire la vita di altri tempi.

La particolarità del libro è data dal fatto che alcune informazioni che Eberle ha riportato nel suo romanzo non sono presenti nei libri di storia, in particolare tutto ciò che riguarda la guerra. Ogni evento è frutto di ricerche (da parte di alcuni docenti della zona) e di testimonianze tramandate da chi quei momenti li ha realmente vissuti.

Per saperne di più leggi il resto del nostro comunicato stampa. Se invece vuoi acquistare il libro clicca qui.


Di seguito un articolo su questa nostra recente uscita pubblicato il 16 dicembre 2020 sul “Giornale di Vicenza“.

"Il virus delle verità" di Antonio G. D'Errico fa parlare di sé su "Val Sangone"

28 Gennaio 2021

"Nella testa del campione" dalle parole del suo autore Sandro Corapi

28 Gennaio 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.